Verniciatura a Polveri e a liquido

La verniciatura è importante non solamente perché agisce come agente di conservazione di un oggetto ma anche perché ne costituisce un fattore di arricchimento estetico. Le vernici e le tecniche di verniciatura hanno fatto la loro comparsa agli albori della civiltà e da allora hanno sempre accompagnato l’uomo in tutta la sua storia.

La verniciatura industriale, negli ultimi anni, ha vissuto una forte fase di sviluppo tecnologico, sia nei prodotti come nelle tecniche di applicazione.

Il prodotto utilizzato per la verniciatura può essere di due tipologie: liquida o in polvere.

Verniciatura a polveri

La verniciatura a polveri consente di rivestire superfici metalliche con un film solido, continuo e aderente alle superfici di substrato e garantiscono una grande resistenza anticorrosiva e grande adattabilità.

Contrariamente alle vernici liquide, le polveri sono attualmente il top per ragioni di basso impatto ambientale e miglior condizioni sul posto di lavoro.

Sono totalmente prive di idrocarburi, alcoli e altri solventi organici e non rilasciano emissioni gassose (nelle vernici liquide la percentuale di evaporazione degli agenti coalescenti non è mai inferiore al 10%).

Dal punto di vista applicativo, se utilizzate le moderne cabine di verniciatura auto-pulenti, permettono anche il recupero degli over-spray, ovvero di tutto il prodotto in eccedenza.

Verniciatura a liquido

Verniciare a liquido significa rivestire l’oggetto con uno strato di pellicola dalle proprietà anticorrosive che garantisce una finitura di alto livello al prodotto e allo stesso tempo un’elevata resistenza agli agenti chimici.

La resa dei due tipi di verniciatura è, a parità di condizioni, pressochè identica. È infatti fondamentale andare ad applicare il prodotto, che sia liquido o in polvere, su una superficie pretrattata perfettamente con appositi bagni di sgrassaggio.

Le differenze principali tra la verniciatura a polvere e a liquido consiste quindi, non tanto nel risultato finale, quanto più nelle modalità di applicazione.

Polveri e liquidi

Le polveri richiedono dei trattamenti termoindurenti cioè una fase di cottura che non si adatta a tutte le tipologie di prodotto.

Per contro, lapplicazione di prodotti in polvere  garantisce una resa pari al 90% a differenza dei prodotti liquidi che, sommando le perdite e la percentuale di evaporazione delle componenti gassose, garantisce una resa pari al 50% di prodotto.

La verniciatura a polveri, quindi, per questioni ambientali ed economiche, si è molto diffusa in settori come la meccanica, lautomotive e, da ultimi anche l’interior design e l’arredamento, settori dove sono richiesti altissimi standard qualitativi.

Sabbiatura

Per sabbiatura si intende quel procedimento meccanico che, andando ad erodere lo strato superficiale di un materiale o un componente, lo mette in condizioni di essere verniciato con efficacia.

E’ un azione preliminare in grado di garantire in fase di verniciatura una corretta adesione della vernice al pezzo; viene spesso eseguita su metalli che presentano problemi di ossidazione o di altra natura.

Univer 2000 dispone di un tunnel automatico per sabbiatura con le seguenti specifiche:

  • Lunghezza: Mt 38
  • Bocca di apertura: 3.000 x 3.500
  • Portata max: 160 q